Newsletter

Search

La Corte Costituzionale dell’Ecuador legalizza l’eutanasia

Sommario

La Corte Costituzionale dell’Ecuador ha segnato un importante traguardo per il paese. Lo scorso mercoledì 7 febbraio ha emesso una sentenza a favore della depenalizzazione dell’eutanasia, dichiarando costituzionale il diritto delle persone che “a causa di un intenso dolore derivante da una grave e irreversibile lesione corporale o da una grave e incurabile malattia” richiedono il procedimento della morte assistita. Secondo uno degli avvocati che ha seguito il caso, Farith Simon, la decisione dei giudici è di applicazione immediata. “Sebbene non accetti tutti i nostri argomenti riguardo a una morte dignitosa, la Corte ha accolto il punto centrale che le persone hanno il diritto di decidere per la propria autonomia personale e di avere una vita dignitosa, non solo una vita in senso di sussistenza”, ha aggiunto.

La Corte, con sette voti a favore e due contrari, ha deciso di dichiarare la costituzionalità condizionata dell’articolo 144 del Codice Organico Penale Integrale, che riguarda l’omicidio semplice, consentendo ai medici che praticano l’eutanasia di non essere penalmente sanzionati. “Viene riconosciuto il diritto all’obiezione di coscienza dei medici che non vogliono farlo, ma se un medico non lo vuole fare, deve immediatamente indirizzarsi a un altro medico che sia in grado di assistere il paziente”, ha affermato Simon.

Nell’agosto del 2023, Paola Roldán Espinosa, una donna di 42 anni, ha bussato alla porta della Corte per chiedere la sua legalizzazione. All’epoca erano passati tre anni da quando aveva ricevuto la tragica diagnosi: sclerosi laterale amiotrofica (SLA), una malattia degenerativa che colpisce e distrugge le cellule nervose che controllano i muscoli responsabili dei movimenti volontari. Sette mesi dopo, era costretta a letto senza potersi muovere. La SLA è una malattia progressiva che peggiora col tempo e nella maggior parte dei casi porta alla morte per insufficienza respiratoria. Così è iniziata la sua lotta per la depenalizzazione dell’eutanasia, che ha riunito tre avvocati a difendere la sua causa.

La sentenza dei giudici chiede al Defensor del Pueblo di preparare entro sei mesi “un progetto di legge che regoli le procedure eutanasiche, in conformità con quanto stabilito nella sentenza”, documento che sarà discusso dall’Assemblea Nazionale, a cui è stato imposto un termine massimo di 12 mesi per l’approvazione. Inoltre, chiede al Ministero della Salute di emettere un regolamento che regoli la procedura per l’applicazione dell’eutanasia attiva volontaria “sulla base di criteri tecnici e nel rispetto di quanto esposto nella sentenza, normativa che avrà validità fino all’approvazione della legge rispettiva”, che deve essere presentata entro due mesi.

In gran parte, la Corte ha accolto la richiesta di Paola, consentendo che, secondo due parametri, si possa accedere alla morte dignitosa: che la persona esprima il suo consenso inequivocabile, libero e informato, e nel caso in cui non possa farlo, attraverso il suo rappresentante. E che la richiesta di un procedimento di eutanasia attiva risponda a un’intensa sofferenza derivante da una grave e irreversibile lesione corporale o da una grave e incurabile malattia. “È importante la decisione della Corte perché ha riconosciuto il diritto di molti pazienti e ha ampliato il margine di libertà delle persone per poter decidere in quelle condizioni, poiché non saranno costrette a soffrire immensamente e per lunghi periodi”, ha aggiunto Simon.

Con questa decisione, l’Ecuador si unisce ad altri paesi come Colombia, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Canada, Spagna, Portogallo, Nuova Zelanda e cinque Stati dell’Australia che hanno depenalizzato l’eutanasia.

Post correlati

Starlink in Amazzonia fra i Marubo

L’arrivo del sistema Starlink di Elon Musk ha trasformato la vita del popolo Marubo, una comunità indigena remota situata nel cuore della foresta amazzonica. I

Cuba: proteste a Santiago

Centinaia di persone ieri sono scese in piazza e hanno manifestato a Santiago de Cuba, la seconda città del paese, gridando “Corrente e cibo!” (corriente

Emergenza Ecuador

Ieri l’Ecuador ha vissuto una giornata di terrore con l’attacco simultaneo di gruppi armati che hanno terrorizzato la popolazione, assaltato centri commerciali, preso le strade

Attualità

Afrodiscendenza

America Latina