Newsletter

Search

Emergenza Ecuador

Sommario

Ieri l’Ecuador ha vissuto una giornata di terrore con l’attacco simultaneo di gruppi armati che hanno terrorizzato la popolazione, assaltato centri commerciali, preso le strade e fatto irruzione – mentre trasmetteva in diretta – in un canale televisivo di Guayaquil, la seconda città del paese, diventata epicentro degli attacchi di gruppi del crimine organizzato che le autorità non hanno esitato a definire “terroristi”. Ecco le chiavi di quanto accaduto nelle ultime ore in un paese immerso oggi in una sorta di guerra interna e che lo scorso ottobre ha eletto come presidente Daniel Noboa dopo una campagna elettorale in cui sono stati assassinati diversi candidati a cariche di libera elezione, tra cui il candidato presidenziale Fernando Villavicencio.

presidente EcuadorIl presidente ecuadoriano, Daniel Noboa, ha dichiarato l’esistenza di un “conflitto armato interno” nel paese e ha ordinato alle Forze Armate di eseguire azioni militari, dopo che un comando fortemente armato ha occupato per diverse ore il canale televisivo di Guayaquil TC Televisión, si sono verificati ammutinamenti in sei carceri oltre ad altri atti violenti a Quito e in diverse altre città.

In precedenza, nella notte di lunedì, Noboa aveva dichiarato lo stato di eccezione e il coprifuoco per sessanta giorni, dopo l’evasione il giorno prima di Adolfo Macías, leader della banda criminale Los Choneros, mentre il governo lo  e dopo che si erano verificati ammutinamenti in sei istituti penitenziari del paese. La fuga avvenne quando il governo stava pianificando il trasferimento di Macías in un carcere di massima sicurezza.

“Ogni gruppo terrorista è un obiettivo militare”, ha avvertito in un messaggio diffuso nella notte di martedì il capo del Comando Congiunto delle Forze Armate dell’Ecuador, Jaime Vela, in riferimento ai ventidue gruppi del crimine organizzato transnazionale menzionati dal presidente Noboa nella dichiarazione di conflitto armato interno. L’avvertimento dell’alto comando militare che il paese “non si arresterà di fronte al terrorismo” è stato fatto al termine di un Consiglio di Sicurezza convocato urgentemente dal presidente, con la partecipazione dei tre poteri dello Stato e delle Forze Armate e della Sicurezza.

Assalto in diretta

Ecuador canal de televisionUn commando composto da tredici individui fortemente armati, che portavano fucili ad alto potenziale, granate ed esplosivi, ha fatto irruzione nel canale televisivo di Guayaquil TC Televisión mentre trasmetteva in diretta un programma informativo. Gli assalitori hanno minacciato i giornalisti e hanno chiesto loro di chiedere al presidente Noboa di non inviare la polizia. Alla fine, agenti d’élite sono entrati nell’edificio, hanno arrestato i criminali e liberato gli ostaggi. L’operazione di salvataggio si è conclusa senza vittime, ma ciò non ha impedito che il panico si diffondesse per le strade, le scuole e i negozi della città, dove otto persone sono state uccise e altre due ferite quando individui incappucciati hanno sparato a passanti e veicoli, e hanno preso con la forza un negozio. La polizia è intervenuta in oltre seicento situazioni di emergenza e ha prestato soccorso al personale in diversi ospedali che sono stati anche assaltati. Le strade e Guayaquil sono rimaste praticamente deserte.

Nonostante la gravità degli eventi, che hanno causato la morte di otto persone e hanno incluso attacchi simultanei in varie città del paese, il presidente della Repubblica, Daniel Noboa – che ha assunto la carica lo scorso novembre – non è apparso in pubblico da quando lunedì sera ha diffuso sui social media un video con la dichiarazione dello stato di eccezione e del coprifuoco, ma ha presieduto una riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza, a cui hanno partecipato rappresentanti dei tre poteri dello Stato e anche alti comandi della Polizia Nazionale e delle Forze Armate.

Numerosi governi americani, organismi internazionali come la Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH) e la Comunità Andina, così come organizzazioni non governative come Human Rights Watch (HRW), hanno condannato l’onda di violenza e alcuni di loro si sono offerti di sostenere le autorità di quel paese con l’invio di truppe armate se necessario.

Post correlati

Il 2023 dell’America Latina

Il 2023 ha segnato un periodo estremamente turbolento per l’America Latina, caratterizzato da eventi politici straordinari che hanno attraversato la regione da un capo all’altro.

Latin Grammy 2023

I Latin Grammy 2023 illuminano Sevilla: una notte magica di musica e cultura latinoamericana I Latin Grammy Awards 2023 hanno scritto una nuova pagina nella

Attualità

Afrodiscendenza

America Latina