Storia del cioccolato, dal Messico al resto del mondo

Share on facebook
Share on email
cioccolato-post
Sommario

Il cioccolato nasce in Messico dove veniva bevuto fin dall’epoca preispanica. Con la conquista giunse in Europa e da lì nel mondo intero.

La nascita de cioccolato secondo la leggenda

Quetzalcóatl (nome azteco del dio serpente piumato dell’antica Mesoamerica) diede ai Toltechi fave di cacao, in modo che la loro gente fosse ben nutrita e in questo modo potessero essere studiosi, saggi, artisti e artigiani.

Quetzalcóatl rubò l’albero di cacao dal paradiso dove vivevano gli dei e piantò il piccolo cespuglio a Tula. Dopo averlo piantato, chiese a Tlaloc di inviare la pioggia sulla terra in modo che la pianta potesse nutrirsi e crescere.

Poi andò a trovare Xochiquetzal, dea dell’amore e della bellezza, e le chiese di regalare all’albero dei bellissimi fiori. Col tempo la pianta fiorì e produsse frutti di cacao.

Questa è la leggenda che si racconta sull’origine del cacao in Messico, un frutto che fino ad oggi è ancora molto apprezzato in tutto il mondo.

Il cioccolato in epoca preispanica

Tra gli antichi abitanti di tutta la Mesoamerica questo frutto, cibo degli dei, era usato come simbolo di ricchezza.

Conservare o bere il cioccolato nell’acqua era riservato ai guerrieri o ai personaggi dell’alta società e in alcuni casi veniva utilizzato per celebrazioni o riti.

Si consumava del cacao mescolato con sapote e semi di mais, che veniva dosato in palline o pillole e poi somministrato ai guerrieri mescolato con acqua calda.

Si preparava anche con miele o fiori, peperone, achiote, acuyo o erba sacra.

Essendo un simbolo di ricchezza, la jícara (recipiente di argilla) dove veniva servita era adornata con un cucchiaino d’oro, d’argento o di legno prezioso.

L’albero del cacao

Il cacao nasce da un frutto di origine tropicale che proviene dall’albero del cacao, un piccolo albero che cresce in ambienti tropicali.

L’origine della pianta del cacao si trova a Tabasco, Campeche e Chiapas, sulla costa del Pacifico e praticamente in tutte le aree dove si è sviluppata la cultura Maya.

La presenza del cacao in Messico si riflette nelle stele di pietra che illustrano scene del Popol Vuh e nei codici Maya sopravvissuti alla conquista.

Gli Olmechi di La Venta (Tabasco) furono i primi umani ad assaggiare questa bevanda; si narra che le fave di cacao macinate venissero mescolate con acqua e si aggiungessero le spezie. Furono anche i primi a iniziare a coltivare il cacao.

Si ritiene che in tempi antichi il cacao fosse consumato come bevanda fermentata, in qualche modo simile a una birra.

Per gli spagnoli il cacao fu una grande scoperta che adottarono subito, aggiungendo latte, poco zucchero, cannella e altre spezie.

Tipi di cacao

Il frutto dell’albero del cacao ha un guscio duro, è allungato e simile a un pallone da football americano, il frutto cresce direttamente dall’albero o sui suoi rami più vecchi.

Normalmente produce tra 15 e 20 frutti che contengono tra 20 e 60 fave di cacao.

Esistono fondamentalmente tre tipi di cacao:

  • Criollo: rappresenta solo il 10% della produzione mondiale ed è riservato ai cioccolatini più pregiati e squisiti.
  • Forastero: È la pianta di cacao più utilizzata nella produzione di barrette di cioccolato. È una pianta che richiede una manutenzione minima che la rende perfetta per raggiungere la coltura richiesta dal mercato, rappresenta oltre il 70% della produzione mondiale di cacao.
  • Trinitario: è un ibrido tra il forastero e il criollo. È una pianta nata nel tentativo di unire la resistenza del cacao estraneo all’aroma e al sapore del Criollo, in modo da produrre un chicco di grande sapore, facile da piantare e resistente alle malattie.

Sono varie le bevande al cacao vendute in Messico

Tascalate: bevanda rinfrescante con cacao, mais, achiote, cannella e zucchero.

Pozol: bevanda fermentata a base di mais macinato, foglie di platano e cacao, addolcita con zucchero di canna.

Tejate: bevanda rinfrescante tradizionale di Oaxaca preparata con nocciolo di mamey arrostito, mais tostato e macinato, cacao fermentato e zucchero.

Tanchuca: preparato a base di mais, anice e cioccolato. In alcuni posti come Sonora si prepara con farina di frumento, cacao e panocha (grano germogliato macinato e zucchero di canna).

Popo: bevanda energetica del sud di Veracruz a base di cocolmeca, cacao, riso, buccia di Yuca e radice di chupipe addolcita con zucchero.

Bupu: tradizionale dell’istmo di Tehuantepec, è preparato con atole bianco, cannella, cacao, petali di icacaloxúchitl e altri fiori dell’istmo.

Champurrado: preparato con pasta per nixtamal, acqua e cioccolato su tavolette.

La tavoletta di cioccolato

Con il ritorno in patria dei conquistadores il cacao giunse in Spagna, e dalla Spagna arrivò in tutto il continente europeo, ed è così che passò nelle mani del chimico olandese Coenraad Van Houten che lo trasformò in cioccolato nel 1828.

Nel 1870, il cioccolatiere Daniel Peters mescolò il cacao con il latte e lo zucchero per creare le barrette di cioccolato ancora oggi vendute in tutto il mondo.