La Guantanamera

Share on facebook
Share on email
guantanamera
Sommario

“La Guantanamera” è una delle opere musicali cubane più conosciute a livello internazionale. La sua composizione è ufficialmente attribuita a José Fernández Díaz, meglio conosciuto come Joseíto. Il musicista spagnolo Julián Orbón aggiunse i primi versi dei Versos sencillos di José Martí e nel 1963 il nordamericano Pete Seeger la fece conoscere negli Stati Uniti. La canzone è stata adattata e registrata da diversi artisti provenienti da tutto il mondo e il pubblico delle più diverse latitudini la ha associato a Cuba e alla sua rivoluzione.

Non è originaria della provincia cubana di Guantánamo né appartiene al genere musicale noto come guajira. Creata nel 1928 dal compositore e interprete cubano Joseíto Fernández Díaz, in origine era solo un ritornello a cui si aggiungevano versi improvvisati e la melodia era dedicata a una donna di Guantanamo, legata sentimentalmente al musicista. Presentata per la prima volta alla radio nel 1935, dal 1940 in poi fu il componimento di maggior successo della sua orchestra. Nel 1943 il cantante fu assunto, in esclusiva, per eseguirlo nel programma radiofonico El suceso del día, sulla stazione CMQ, che metteva in scena eventi di cronaca nera. Un poeta estemporaneo compose i versi per ricostruire l’evento, e Joseíto li cantò incorporando il famoso ritornello “Guantanamera, guajira guantanamera”, cosa che ha contribuito ad aumentare la popolarità della canzone.

Il programma rimase in onda per quattordici anni e la canzone ebbe successo in tutta Cuba e presso tutti gli strati della popolazione.

Negli anni ’50 Julián Orbón, un compositore spagnolo residente all’Avana, ne fece una versione inserendo i Versos sencillos di José Martí, la cui metrica si adattava alle strofe di otto battute eseguite da Joseíto.

Nel 1962 il musicista Héctor Angulo lavorava a New York come insegnante per bambini, ai quali insegnò la versione realizzata da Orbón. Il cantante e attivista americano Pete Seeger ascoltò questa canzone e la inserì nel repertorio del suo gruppo, The Weavers, e l’anno successivo, durante un concerto alla Carnegie Hall di New York, fu incisa con il titolo di “La Guantanamera”. Da quel momento iniziò la sua popolarità a livello internazionale.

Due anni dopo, la registrazione del brano da parte del The Sandpipers Trio, diede alla canzone la spinta finale verso il mercato internazionale: “La Guantanamera” entrò nella classifica dei cinque album più venduti negli Stati Uniti e in Inghilterra.

Entrò a far parte del repertorio di artisti provenienti dall’America e dall’Europa e le sue registrazioni furono numerose, adattandosi agli adattamenti musicali più disparati. Più di centocinquanta versioni sono state realizzate da prestigiosi cantanti e strumentisti di vari paesi, come Richard Clayderman, Libertad Lamarque, José Feliciano, Tito Puente, Julio Iglesias, Marco Antonio Muñíz, Joan Baez, Los 5 Latinos e Celia Cruz.