Encanto

Share on facebook
Share on email
encanto-post
Sommario

Sono dotati ed eccentrici, anche un po’ inquietanti. Non sono gli Addams, ma la magica famiglia Madrigal.

“Encanto”, l’ultimo film d’animazione della Disney, porta il pubblico nel mondo colorato e incantato del realismo magico colombiano con la famiglia Madrigal, i cui membri hanno ricevuto doni straordinari, fatta eccezione per la nostra eroina Mirabel, che non ha ancora scoperto il suo.

La magia della famiglia Madrigal è nata a seguito del trauma e del dolore immenso patito dalla matriarca, Abuela Alma, quando ha perso il marito mentre fuggiva dalle violenze nel loro villaggio. Disperata, ha invocato protezione per se stessa e per i suoi tre gemelli e una candela magica ha sollevato montagne protettive intorno a una casa infestata che diventerà incantata, dove da allora ha cresciuto la sua famiglia. Ogni Madrigal, nel corso di una cerimonia al raggiungimento della maggiore età, riceve dei poteri che vanno dalla super forza, all’udito ad alta potenza o alla capacità di parlare con gli animali, a far spuntare fiori dal nulla, cambiare forma, indovinare il futuro o controllare il tempo.

L’unica eccezione alla regola magica finora è la dolce e intelligente Mirabel, che non ha mai ricevuto il suo dono e da allora si è sentita l’emarginata della famiglia, facendo del suo meglio per guadagnarsi il suo posto.

Quando inizia a vedere delle crepe nelle fondamenta della sua amata casetta, Mirabel indaga sui poteri magici della famiglia e alla fine, si rende conto che tutti i membri della sua famiglia sono presi nella trappola del perfezionismo, credendo di dover usare i loro doni nel modo in cui si aspettano gli altri, arrivando a perdere la propria identità.

Questa animazione è un vortice energico di movimento quasi continuo accompagnato da una colonna sonora che salta da un genere all’altro, dalle tradizionali ballate Disney alle melodie ispirate al reggaeton, compreso un tributo alla dea del rock colombiano Shakira. La sceneggiatura è veloce e furiosa, piena di battute e riferimenti. Ci sono momenti in cui lo spettatore potrebbe desiderare che tutto rallentasse per avere il tempo di conoscere meglio alcuni dei personaggi secondari, ma la storia di “Encanto” fresca, veloce e composta.

La magia di Mirabel è il suo essere se stessa: una buona ascoltatrice, empatica e premurosa, permette ai membri della sua famiglia di condividere le loro storie, così come le loro vulnerabilità, e crea uno spazio sicuro per la loro autenticità. Con la sua piccola statura, occhiali rotondi e capelli ricci, è come una mini terapeuta per la sua famiglia.

Non sorprende che l’animazione del film “Encanto” si sia rivelata incredibile. Il lavoro e l’impegno del team di animazione prevalgono durante i 99 minuti di riprese, dove anche il più piccolo dettaglio è stato supervisionato. Le espressioni, i colori, i fiori e persino i piatti tipici colombiani sono incredibilmente reali (ad esempio la perfetta arepa de queso). Per non parlare dei poteri di ogni membro della famiglia: sono semplicemente magici oltre che originali.

Sebbene questa sezione fantastica regni per tutto il film, non ha oscurato il vero messaggio che si intendeva trasmettere mantenendo l’essenza della Disney: educare e intrattenere allo stesso tempo. Tuttavia, è necessario ricordare che la sceneggiatura del film presenta alcuni punti deboli: la sua struttura non è chiaramente definita e la parte finale sarebbe potuta essere molto più potente. Tutto questo è compensato da un cast vocale stellare che riesce a essere al centro dell’attenzione del film, a discapito della narrazione, che finisce per passare in secondo piano.

Fra le voci sono riconoscibili quelle dei cantanti Carlos Vives e Sebastián Yatra, stelle della musica colombiana contemporanea. La colonna sonora è stata firmata da Miranda e Germain Franco (compositore della colonna sonora di Coco), che non hanno esitato ad immergersi nei ritmi tradizionali colombiani, dando vita così a un soundtrack moderno oltre che tradizionale: generi come salsa, vallenato, cumbia o reggaeton, tutti generi musicali tipici colombiani, danno ritmo all’encanto.

 

Tutte le immagini: ©Disney-Pixar